Test A.R.S.

I Test che misurano l’Abilità di Ripetere Sprint (A.R.S.) sono utilizzati per misurare la capacità di un arbitro o di un assistente di compiere sprint massimali (scatti ad alta intensità) in un breve lasso di tempo senza tempo di recupero

5×30 metri, per Arbitri e Assistenti C11

Per quanto riguarda gli arbitri e gli assistenti arbitrali, le capacità di sprint vengono misurate sulla distanza di 30 metri da ripetere per 5 volte. Lo scatto viene profuso ad alta intensità e viene seguito da una fase di recupero attivo (in movimento) di 25 secondi. La ripartenza per lo scatto successivo avverrà dopo un’attesa di 5 secondi sul punto di partenza.

Per quanto riguarda gli arbitri effettivi, il test non viene eseguito ne a livello sezionale ne a livello regionale. È adottato invece dalla CAI in su ed il limite massimo di percorrenza di uno scatto è di 4.80 secondi. Discorso differente per quanto riguarda gli assistenti arbitrali, che eseguono il test a partire dalle categorie regionali. Di seguito la tabella dei tempi di riferimento.

• AA CRA: primo sprint 4.80 s, sprint successivi 4.90 s

• AA CAN D: primo sprint 4.70 s, sprint successivi 4.80 s

• AA CAN PRO/B/A: 4.70 s per sprint

4×10 metri, per arbitri C5

Nell’ambito del Calcio 5, le capacità di sprint vengono misurate sulla distanza di 10 metri da ripetere quattro volte. Contrariamente al 5×30 metri, non sono previste fasi di recupero attivo.

La distanza di 10 metri deve essere ricoperta in massimo 4.80 secondi, che diventano 4.70 in CAN 5.