fbpx

Andrea De Marco, tecnicamente internazionale!

Andrea De Marco, tecnicamente internazionale!

Un 2 aprile da ricordare per la Sezione di Pinerolo. Nell’ambito delle RTO con ospite nazionale, è venuto a trovarci l’arbitro CAN A ed internazionale di spicco Andrea De Marco. L’arbitro di Sestri Levante ma appartenente alla sezione di Chiavari ha intrattenuto gli ospiti con un’esposizione coinvolgente sotto tutti gli aspetti.

De Marco e Giachero, che duo!

Presentato e coadiuvato dal nostro AA CAN A Walter Giachero, Andrea ha tenuto una coinvolgente lezione prettamente tecnica. Questa è introdotta da una divertente battuta riguardante la nostra cittadina, proveniente dal classico della cinematografia “Fantozzi contro Tutti”. Con l’aiuto di alcuni suoi filmati il collega ligure ha illustrato diverse situazioni di gioco, chiedendo ai colleghi più giovani come agire in quell’occasione. Durante l’analisi tecnica, De Marco ha così proposto significativi approfondimenti sul regolamento e sulle casistiche. Il motivo è semplice, perché “allenamento e conoscenza del regolamento sono fondamentali per ambire a traguardi importanti”.

Un sacco di clic

La riunione ha avuto il suo momento cruciale quando l’arbitro di Chiavari, sempre aiutato dal “Giach” (così lo chiamava amichevolmente Andrea), ha iniziato a rispondere alle numerosissime domande della platea incuriosita. Tante quelle che riguardavano allo status di internazionale di Andrea, il suo ruolo di arbitro addizionale nelle competizioni europee e la sua collaborazione con la cinquina arbitrale.

Durante l’intera lezione tecnica Andrea ha coinvolto tutti gli arbitri e assistenti pinerolesi. Offrendo, allo stesso tempo, la propria esperienza e rispondendo in modo esauriente alle numerose curiosità emerse. Dopo i molti episodi esaminati, e le numerose domande della platea, il Presidente Giuseppe Puddu ha voluto ringraziare l’ospite per la disponibilità e la professionalità dimostrata. Infine, De Marco si è concesso alle fotografie con i colleghi che lo hanno letteralmente preso d’assalto pur di avere una foto ricordo con un signore che ha da poco superato le 100 gare dirette in Serie A.

Articolo a Cura di Gianluca Boaglio

Torna su